Mondi a Milano

Culture ed esposizioni 1874-1940

LUOGO/LOCATION
Mudec, Milano 2015

COMMITTENTE/CLIENT
Il Sole 24 Ore Cultura

CURATO DA/CURATED BY
Fulvio Irace, Anna Mazzanti, Maria Grazia Messina, Antonello Negri, Carolina Orsini, Marina Pugliese, Ornella Selvafolta

 

L’esposizione illustrava come la città di Milano avesse accolto e divulgato al grande pubblico le diverse culture non europee nel corso dei suoi più rilevanti eventi espositivi: dalle mostre di arti industriali nella seconda metà dell’Ottocento, sulla stregua delle Esposizioni Universali, fino alla loro riformulazione nelle Biennali e Triennali degli anni Venti e Trenta del Novecento. Si è trattato di un progetto molto eterogeneo per i materiali esposti in mostra e per la diversitá degli stessi. I locali espositivi si trasformavano in un giocoso e surreale pop-up, le pareti si sfogliavano, si arrotolavano, si impennavano fino a diventare una ricostruzione di sette metri di altezza della via del Cairo ricostruita per ricordare l’Expo milanese del 1906, e poi prendere forme più geometriche e littorie.

The exhibit illustrated how the city of Milan had received and broadcast the various non-European cultures along the course of its most relevant expositions: from the displays of industrial art in the second half of the nineteenth century, resembling the World Fairs, up until their reformulation in the Biennials and Triennali of the Twenties and Thirties of the twentieth century. The project was highly composite, in relation to the diversity of materials utilized. The locales were transformed into amusing and surreal pop-ups, the walls peeled away, coiled and shot up to become a seven-metre-high reconstruction of the the Via del Cairo as tribute to the 1906 Milan Expo, then taking on more geometric and lictorial forms.